venerdì 5 settembre 2014

Quotidianità e la settimana dello Zero



Nonostante i lettori del blog sembrino meno accaniti di un tempo, il dovere di cronaca rimane. Come ripetuto piùeppiù volte, al momento abbiamo una vita abbastanza di routine. Un fatto che non vi avevamo raccontato è che, il giorno prima del nostro viaggetto, era arrivato un nuovo elemento nell’ambiente lavorativo: la saga di Ciccio, infatti, continua e un altro erede è arrivato. Trattasi di Sminchiato: abbiamo cercato a lungo un altro nomignolo, ma questo gli calza a pennello. Forse Pippo, ma conosciamo un paio di Pippo e chiamarlo così ci sarebbe parso un po’ equivoco.
E’ un ragazzino di 18 anni simpatico ma molto goffo e scoordinato, che riesce a farsi male ogni volta che si muove, scivola, picchia la schiena contro il nastro trasportatore, si tira i coperchi dei contenitore del pesce in faccia e via dicendo.
Siccome Bremer Bay è il paradiso dei pescatori (e cioè vuol dire che qui si parla, si pensa e si racconta solo di pesce…………), miglior posto non poteva trovare visto che ha detto “Io amo pescare e non vedo l’ora di trasferirmi qui e iniziare questa avventura”….auguri…
Fatti rilevanti non ne sono successi: il pesce è arrivato nella baia di Bremer e quindi invece che 6 ore al giorno si deve lavorare solo 3 massimo 4 ore, così Matteo ha accettato la proposta del Boss di passare allo “sharing”, cioè un tot in base alla quantità di pesce pescato, siccome la paga oraria diventata non conveniente.
Quale fantozziana conseguenza può esserci? Ovviamente dopo 2 settimane molto interessanti, è arrivata la seconda settimana da quando siamo qui senza assolutamente pescare pesce (=no dinero) e ieri il Boss ha detto che probabilmente fino a mercoledì prossimo non si potrà pescare. Il pesce come era arrivato se n’è andato e la volta che abbiamo provato a tornare nella baia dove abbiamo pescato fino a poco fa, il mare era totalmente inapprocciabile e per fortuna siamo tornati indietro.
Nella nostra ultima visita ad Albany per fare la spesa, Matteo ha fatto la conoscenza dei dentisti locali, la cui clinica era, diciamo, di livello leggermente più alto rispetto allo standard cui era abituato, come pure la pareclla finale... Abbiamo inoltre visitato “Whaleworld”, la factory di balene di Albany chiusa negli anni ’70 e riconvertita in museo: molto dispendioso ma interessante. Silvia continuava a dire, dopo aver finalmente avvistato le balene qui a Bremer, di voler vedere le balene da vicino e accarezzarle, ma una volta visto uno scheletro di 22 metri (per un esemplare che può arrivare a 38), ha esclamato “Ma come sono grandi!!! non le voglio più accarezzare..”. Inoltre è stata la prima volta che una visita guidata è durata meno di una autogestita: la guida aveva fretta e non si aveva tempo di vedere niente. Matteo ha poi scoperto che pure il Boss ha lavorato sulle navi alla caccia di balene ed era proprio quello che sparava l’arpione, “Era solo un lavoro” ha detto come per giustificarsi, “e la gente non capisce che c’erano 900, mille balene ogni giorno che passavano, e ora le prendono tutte i giapponesi…Green Peace non vincerà mai”. Lo stabilimento è stato chiuso, come ha detto la guida, non per un buon senso comune, ma perché l’avvento degli olii sintetici non rendeva più conveniente la produzione di olio di balena, che era usato per tutto, automobili, industria spaziale e quant’altro. Anche a noi non piace pescare e sarà un lavoro che nessuno dei due farà mai più e quindi anche noi a volte ci sentimao proprio degli assassini.
Sminchiato ha rivelato di non voler stare qui a lungo, ma fare un po’ di soldi e poi andare a nord a fare il mandriano…crediamo se ne andrà presto visto che qui ricchi non lo si diventa affatto, anzi…
Evento più unico che raro, per non dire epico, Silvia ha fatto amicizia con un cane! E’ il cane del Mezzuomo, ed è il più mansueto del mondo, piccolino e pacifico.
Ieri abbiamo visto un serpente, il Tiger Snake, tagliato in 2 dalla pala di un tipo qui a pochi metri del nostro van, per buona pace di quelli che hanno paura delle letali bestie australiane.
Altro da aggiungere? Niente di rilevante, a parte che abbiamo raggiunto quasi 6000 km da quando abbiamo comprato il van.
Ciaoooooo

Nessun commento:

Posta un commento

inserisci il tuo commento, scegli il profilo (anonimo va benissimo) e pubblica il commento, quindi aspetta che noi lo si approvi!