mercoledì 18 maggio 2016

Queenstown parte II

Visto che rimanere qui a fare nulla o quasi mi annoia, ho deciso che se non va mi sposterò tra 15-20 giorni. Forse sbaglierò ma non so come spiegare che mi sembra proprio di buttare il tempo. Se fossi in Italia non avrei questo problema (forse peggiore) ma vivere con la scadenza del visto è un po' soffocante. C'è sempre e solo il tempo che vale in questa vita, perché? Perché se uno non è veloce a fare un lavoro, a sposarsi, ad avere qualcosa sente di perdere tempo? Perché c'è sempre e solo il tempo e l'età a mettere un limite a tutto? Cioè se non avessi il vincolo di un anno, non avrei problemi ad andarmene subito da qui ma il vincolo c'è, è reale che mi piaccia o meno.
Forse ho sbagliato dal principio e sarei dovuta partire da Auckland in bus e viaggiare un po' fino a raggiungere questa città. Quando si cerca lavoro non si sa mai quand'è il momento giusto perché secondo me non esiste. Senti persone che sono qui da 3 settimane e non lo trovano, altre (solitamente le più oche) che "oh io in due giorni l'ho trovato". Comunque ora offerte di lavoro ce ne sono ma ad esempio c'è un negozio di piastrelle che cercava un administrator, cioè una specie di nostro segretario ad un livello un po' più alto. Secondo me mi sarebbe calzato a pennello visto il lavoro-non-lavoro che facevo da mio papà. Ieri hanno messo l'annuncio, ieri ho applicato e oggi sono andata a vedere come fosse sto negozio/magazzino e a presentarmi. Mi hanno detto chiaro e tondo che avevano già assunto qualcuno. Al che io: "ma scusa in un giorno avete già selezionato e assunto?" Lui mi ha risposto che l'annuncio devono metterlo per prassi, cioè legalmente prima di assumere qualcuno DEVI cercarlo. Me ne sono andata con un po' di amarezza che poi si è trasformata in una conoscenza ulteriore! Mica sono gli unici e pure in Australia sarà stato così. 

Oggi (riferito tutto a ieri) finalmente c'era il sole e non vedevo l'ora! Ieri sera fa ho mandato altri cv e oggi mi son sentita LIBERA di prendermi il mio giorno libero.
Ho chiesto ad un po' di gente in camera se voleva aggiungersi per raggiungere le Queenstown Hills, figurarsi. Quindi, io e  Baio o el fiamaz partiamo. Ah si, sto tizio l'ho conosciuto qui in ostello viene dalla Val di Fiemme, per questo l'ho soprannominato. Si parla in dialetto, quindi ho subito preso confidenza, nel senso che se mi dice "si doman vegnes a far en giro oppure no ho da far", so che non sto li a perder tempo che ti dice "si no boh forse". Cose che fanno innervosire molto sia me che Matteo.

pendenza...incoraggiante!!
Più cammino e più mi rendo conto in che paradiso sono arrivata. Tutto questo grazie a Matteo. Se non fosse per lui, non credo che avrei rinunciato all'Italia e al mio possibile, ipotetico libro ecc. quindi Grazie. 

Arrivata sulla cima son stata come colpita da questo panorama! Dopo 9 giorni ininterrotti di pioggia.

durante il percorso
un po' più in alto
dalla cima!
Primato del salto in alto
Giriamo la testa e voilà vediamo questo:


che abbiamo trasformato in questo (indovinate di chi è stata l'idea🙊)




Siamo rimasti li un bel po' perché poi ho voluto aggiungere questo. A volte so essere anche carina.
Silvia era troppo lungo

S+M...come il nostro motorino a Bagan ahah

Poi ovviamente anche sto Fiamaz voleva scrivere il suo nome, quindi cancellato il mio/nostro e scritto il suo. Vi dico che si ghiacciava un po'! Tra l'altro non posso mettermi l'unico pile grosso che ho perché devo tenerlo pulito per quando vado a cercar lavoro. Ma vabbe con il sole si stava. 
Insomma non so mi sembrava veramente di essere a Primiero ❤

Nel pomeriggio non ho fatto nulla perché internet non funzionava e mi son girate un po le balle perchè non ho potuto applicare online. Ma cosa importa? Domani o stasera ho tempo. 

Mi sto vivendo questi giorni come meglio riesco e un po' sto facendo "piani fuggitivi". Perché? Ho pensato che si potrebbe tornare qui d'estate perché mi piacerebbe proprio provare parapendio e down hill! Se anche trovassi lavoro come cameriera, riuscirei a coprire solo i costi e non riuscirei a fare altro extra. Mi sono informata dei costi😱 Quindi o trovo un lavoro che mi permette anche di sciare almeno una volta ogni 10gg (sono qui per questo) o me ne vado. Sinceramente i savings meglio tenerseli per qualcosa che veramente ne vale la pena. Cioè sciare e la neve mi mancano ma non so quanto ci metterò a trovare il prossimo lavoro e le cose esageratamente costose mi innervosiscono. Ora vi spiego, prima di fare commenti: 1000$ è lo skipass stagionale oppure il ticket per salire con la cabinovia è 100$/giorno + tutta attrezzatura e vestiario a noleggio 170$/giorno😱😱😱😱
Per Matteo qui ci sarebbe molto lavoro perché mi sembra di capire che c'è molta offerta per carpenter (quest'anno lo motiverò a fare lavori migliori visto che ha tutte le capacità) e labourer, ma qui con uno stipendio solo non si campa. 
A dire il vero anche per chi ha esperienza sulle piste e come noleggio sci ecc trova subito e anche qui mi son detta "ma xke non ho mai fatto una stagione a San Martino?" "Ma xke non mi sono appassionata allo sci ma xke xke?".  Dico così ma ho sentito che hanno applicato in 5000 persone per i posti sulle piste (tra bar etc) e hanno tre interview da passare. Qui a Queenstown la maggior parte sono inglesi di Londra o americani, quindi ovviamente prediligono loro a noi, feccia di immigrati europei. Alla fine, per emigrare bisogna essere più forti di quello che si crede da lì. Noi rimaniamo sempre immigrati, altro che expat.

A volte, ma poco per non farmi del male, immagino Matteo a nuotare, al caldo e a mangiare indiano! Spero che si goda gli ultimi giorni di viaggio-relax ;)

Un bacione a tutti voi dal freddo!


NOTE VARIE (per non famigliari e amici...se mai ce ne fossero)

- bonifico internazionale da una banca OZ ad una NZ vi costerà:
20$ + 15$ di commissioni + Tasso di cambio
Quindi se dovete trasferire tanti soldi forse conviene perché é sicuro e il tasso di cambio non era male altrimenti ci sono altri operatori ma devo capire l'affibilità.
- Cercate di non cambiare MAI soldi in aeroporto. Evitate in ogni modo Travelex e se proprio dovete cambiare c’è un money changer tra la zona arrivi e quella partenze con una scritta rossa. Non è ben visibile perché sembra far parte di un agenzia viaggi ed è piccolissimo ma almeno perderete “”solamente” 23 dollari su 300 circa.
- Il tasso di cambio fa sempre schifo ma ritirare dal bancomat sembra essere la cosa più conveniente.
- Non potete aprire un conto in banca senza prima avere un lavoro e una lettera che attesti che domiciliate da qualche parte (l’ostello ve la scriverà).
- I dollari neozelandesi hanno quasi lo stesso valore di quelli australiani, quindi state attenti. Non è per nulla vero che la vita qui costa meno.
- Per iniziare evitate città costosissime come Queenstown perché solo per dormire vogliono circa 220$ - 240$ a settimana, mentre per il cibo scordatevi frutta e verdura (dai 6-30$/kg) Gli ostelli più economici non vi dicono che non è incluso Internet, lavatrice, riscaldamento ecc. A Queenstown ci sono stanze per 180$/settimana ma appunto non ha riscaldamento e vi assicuro che qui fa freddo come da me e probabilmente neanche internet. 






Nessun commento:

Posta un commento

inserisci il tuo commento, scegli il profilo (anonimo va benissimo) e pubblica il commento, quindi aspetta che noi lo si approvi!